“Cycling to serve” – Circolo Rotary

di Enrico Guida, socio del RC Trinità dei Monti di Roma, membro del Circolo Rotary “Cycling to serve” 

“Cycling to serve” è lo slogan della fellowship dei ciclisti Rotariani e presenta ogni anno eventi per i soci. Il clou è il Campionato Mondiale di Ciclismo, giunto alla 34ª edizione, che permette ai soci di tutto il mondo di mostrare il proprio talento, rigorosamente non professionistico, attraverso una appassionante sfida organizzata in luoghi d’interesse turistico. Continua a leggere

Annunci

Mare senza barriere: l’handicamp del Rotary Club Jesolo

IMG-20180909-WA0011

A cura di Anna Favero, Assistente Governatore, Distretto 2060

Il Rotary Club Jesolo ha realizzato sabato 8 settembre 2018 la prima edizione dell’handicamp “Mare senza barriere”, nato dall’idea dei soci di offrire a ragazzi e ragazze diversamente abili una giornata di svago e divertimento sul litorale. Continua a leggere

Rotariani all’opera in Africa, II Parte

download (4)

A cura di Mena e Michelangelo Riemma, RC Nola Pomigliano D’Arco, Distretto 2100

Kenia, agosto 2018 – Vi raccontiamo la nostra esperienza, e di quanti Rotariani, e non, hanno deciso, in un agosto infuocato, di essere in Kenia per portare un aiuto concreto. Continua a leggere

Rotariani all’opera in Africa

foo-1

A cura della Redazione Social-web del Distretto 2100

Rotariani all’opera: in real time dall’Africa, vi raccontiamo l’impegno di Michelangelo Riemma, Rotary club di Nola Pomigliano D’Arco, e di quanti, Rotariani e non, hanno deciso, in un agosto infuocato, di essere in Kenya per portare un aiuto concreto.

Continua a leggere

Un albero per socio

download (1)

A cura del Rotary Club di Terracina-Fondi, Distretto 2080, Italia

Gli alberi, fin dall’infanzia, sono uno degli elementi naturali più iconici e rappresentativi del ciclo della vita e della natura, capaci di vivere moltissimi anni, resistendo alle intemperie e di spogliarsi e rifiorire ogni anno, seguendo il corso delle stagioni. Continua a leggere

Esplorare la profondità dello spazio

a cura di Anne Stein, The Rotarian magazine
Illustrazione di Viktor Miller Gausa

Due anni fa, durante il suo dottorato di ricerca in fisica, Fabio Pacucci era alla guida di un gruppo di scienziati italiani che hanno fatto una scoperta straordinaria: due buchi neri che potrebbero essere i più distanti e più antichi mai documentati prima.

Questi buchi neri si sono formati circa 13 miliardi di anni fa, spiega Pacucci, e hanno svolto un ruolo importante nello sviluppo dell’universo. Gli astronomi sono ora abbastanza sicuri che al centro di ogni galassia esiste un enorme buco nero.

Pacucci, 30 anni, è professore associato post-dottorato nel Dipartimento di Fisica dell’Università di Yale e socio del Rotary Club di New Haven, nel Connecticut, che ama parlare in pubblico della sua ricerca.

Continua a leggere